Profumo sull’ora di religione: rinnovare i programmi

“Credo che il paese sia cambiato, nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che debba essere più aperto. Ci vuole una revisione dei nostri programmi in questa direzione”. Sono queste le parole del ministro Profumo sul fronte “ora di religione” nelle scuole.

Credo che il paese sia cambiato, nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che debba essere più aperto. Ci vuole una revisione dei nostri programmi in questa direzione”. Sono queste le parole del ministro Profumo sul fronte “ora di religione” nelle scuole.

Un discorso che di certo non farà piacere alla Chiesa ma che va incontro a una esigenza concreta del Paese che sempre più ospita tra le sue classi bimbi di diverse culture e religioni. Anche geografia, secondo il ministro, si può studiare ascoltando le testimonianze di chi viene da altri paesi. “La scuola è più aperta e multietnica e capace di correlarsi al mondo di oggi. Ieri ero in una scuola con il 50% di alunni stranieri – ha dichiarato – e mi hanno detto che imparano la geografia dai loro compagni che raccontano dei loro Paesi di provenienza”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A corto di soldi, affittano i volti per la pubblicità

Next Article

Ecco il nuovo CorriereUniv.it

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".