Profumo sull’ora di religione: rinnovare i programmi

“Credo che il paese sia cambiato, nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che debba essere più aperto. Ci vuole una revisione dei nostri programmi in questa direzione”. Sono queste le parole del ministro Profumo sul fronte “ora di religione” nelle scuole.

Credo che il paese sia cambiato, nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che debba essere più aperto. Ci vuole una revisione dei nostri programmi in questa direzione”. Sono queste le parole del ministro Profumo sul fronte “ora di religione” nelle scuole.

Un discorso che di certo non farà piacere alla Chiesa ma che va incontro a una esigenza concreta del Paese che sempre più ospita tra le sue classi bimbi di diverse culture e religioni. Anche geografia, secondo il ministro, si può studiare ascoltando le testimonianze di chi viene da altri paesi. “La scuola è più aperta e multietnica e capace di correlarsi al mondo di oggi. Ieri ero in una scuola con il 50% di alunni stranieri – ha dichiarato – e mi hanno detto che imparano la geografia dai loro compagni che raccontano dei loro Paesi di provenienza”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A corto di soldi, affittano i volti per la pubblicità

Next Article

Ecco il nuovo CorriereUniv.it

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".