Profumo: il governo lavora per razionalizzare il sistema

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha incontrato una delegazione di precari a Torino alla festa del Pd dopo un dibattito sul tema scuola. L’incontro durato fino alla mezzanotte ha visto la partecipazione di esponenti di Cobas e Cub impegnati a manifestare dissenso in materia di concorsi.

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha incontrato una delegazione di precari a Torino alla festa del Pd dopo un dibattito sul tema scuola. L’incontro durato fino alla mezzanotte ha visto la partecipazione di esponenti di Cobas e Cub impegnati a manifestare dissenso in materia di concorsi.

A loro Profumo ha risposto: “il Governo sta lavorando per una razionalizzazione del sistema della messa a ruolo degli insegnanti per fare dell’Italia un paese moderno in questa materia così delicata”. ”Un percorso nuovo – ha spiegato – nel quale dobbiamo comunque cercare di inglobare il pregresso, cioè i tanti precari della scuola. Ci sarà un primo concorso il 24 settembre, ancora con i criteri del passato, quindi uno di stampo nuovo nel 2013, per poi procedere con un concorso ogni due anni nella speranza di abolire le graduatorie”.

Ribadisce ancora che il numero dei vincitori del concorso sarà uguale a quello dei docenti da assumere. ”Chi è nelle vecchie graduatorie – ha concluso – potrà decidere se partecipare ai concorsi banditi per aumentare le proprie possibilità, ma anche no. Non sarà un percorso perfetto, ma è quello al quale stiamo lavorando per cercare una sistemazione di quello che è uno dei settori centrali di un sistema democratico, la scuola”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cinema e televisione, presenta la tua idea

Next Article

Giovani, lavoro. Più disoccupati in zona euro

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.