Professioni sanitarie, sul podio dell'occupazione

Sono ancora loro a detenere il primato dell’occupazione. Medici, infermieri e tecnici di laboratorio non hanno problemi a trovare il lavoro. A porre l’attenzione sul fenomeno è Almalaurea, consorzio di atenei italiani, che ha rilevato come i laureati nelle professioni sanitarie hanno un tasso di occupazione altissimo, quasi al 100% dopo appena un anno dal completamento degli studi.
La laurea in generale risulta, essere un fattore premiante per trovare un’occupazione (87% dei casi), ma lo è ancora di più se si sceglie una ramo in ambito sanitario. Nel suo XI Rapporto nazionale che ha coinvolto circa 300 mila laureati pre e post riforma, l’istituto di ricerca ha preso in considerazione le professioni sanitarie: a un anno dalla laurea il 97,7% lavora, circa 1′ 1% si specializza e poco più dell’ 1,3% per cento è in cerca di occupazione. La tipologia di lavoro è nel 91,8% dei casi dipendente a tempo indeterminato, nel 3,1% autonomo, circa nel 2% a tempo determinato, nell’ 1,5% a collaborazione-consulenza, mentre e’ irrilevante il dato di chi e’ senza contratto.
Le performance sono al top anche per quanto riguarda gli stipendi, con il raggruppamento medico o in testa a tutti gli altri anche per la media di guadagno netto. Con una laurea in professioni sanitarie, anche se freschi di diploma, secondo Almalaurea, si portano a casa 1.300, contro una media italiana di 1.033 euro e di 930 euro mensili netti guadagnati dagli occupati nel settore farmacologico. Un lavoro in ospedale o in clinica permette di guadagnare mediamente il 30% in più.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Farnesina, il decalogo delle vacanze perfette

Next Article

Guida alla Scelta - Medicina Il medico tra professione e missione

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.