Presidio a Montecitorio: il mondo dell'università scende in piazza

 
Oggi  ore 14:00 a Piazza Montecitorio LINK, ADI, FLC, Coordinamento Ricercatori Non Strutturati, Rete29Aprile si mobiliteranno in presidio durate la discussione in aula della Legge di Stabilità.
“Studenti, precari, docenti dell’Università si troveranno per ribadire che non ci bastano più i buoni propositi che il Governo ha enunciato in questi mesi. Servono fatto concreti – afferma al Corriere dell’Università Alberto Campailla, portavoce di LINK – Coordinamento Universitario – a partire da un aumento delle risorse destinate al Diritto allo Studio dal momento che i 55 milioni ad oggi previsti non sono sufficienti per  coprire tutta la platea degli aventi diritto. Chiediamo l’estensione della Dis – Coll ai dottorandi e agli assegnisti e un piano di reclutamento necessario per riparare agli effetti di questi anni di blocco del turn over che hanno privato l’università di moltissimi giovani ricercatori che sono stati espulsi dal modo accademico”
“E’ necessario un forte reinvestimento nell’universitàconclude Campailla – che permetta di recuperare i tagli subiti dal comparto dell’università in questi cinque anni. L’indispensabile aumento dei fondi  deve essere accompagnato da una revisione dei  criteri di riparto degli stessi che non si può fondare su logiche premiali  – basate sui risultati della VQR – le quali hanno portato ad un depauperamento di risorse da molti atenei, specialmente al sud”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piacenza, fiamme al liceo: struttura evacuata

Next Article

Umberto Dosselli è il nuovo Addetto scientifico alle Organizzazioni Internazionali di Ginevra

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.