Premio speciale Laura Conti, il “riciclo della plastica”

Scade il 20 ottobre la consegna delle tesi di laurea per la partecipazione al Premio Speciale Laura Conti “Riciclo della Plastica”. Il concorso prevede un PRIMO PREMIO di 1.000 euro e un SECONDO PREMIO di 500 euro.

Scade il 20 ottobre la consegna delle tesi di laurea per la partecipazione al Premio Speciale Laura Conti “Riciclo della Plastica”. Il concorso è promosso dal Carpi – Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia e dall’Ecoistituto del Veneto e prevede un primo premio di 1.000 euro e un secondo premio di 500 euro.
Sono ammesse Tesi di tutti i livelli, compresi i Master, discusse nelle Università italiane a partire dall’anno accademico 2005/2006 e che trattino in particolare di:
◊ Riciclo meccanico delle plastiche flessibili
◊ Tecnologie del riciclo meccanico
◊ Educazione ambientale al riciclo meccanico delle plastiche
◊ Consumo sostenibile e riciclo
◊ Ecodesign per manufatti in plastica riciclata
◊ Riciclo dei materiali e green economy
◊ Efficienza e risparmio energetico nei settori del riciclo
◊ Riciclo attraverso Sistemi di Gestione autonoma e la libera concorrenza
La premiazione si terrà venerdì 5 novembre presso la Fiera Ecomondo di Rimini. Il bando completo è consultabile nei siti www.ecoistituto-italia.org e www.consorziocarpi.com.
La partecipazione è gratuita e le tesi vanno inviate a: EcoIstituto del Veneto – Viale Venezia, 7 – 30171 Venezia Mestre.
 Per informazioni:
Ecoistituto del Veneto Alex Langer 041/935666, [email protected]
Paolo Stevanato – [email protected], 338/1805195

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In 40 per formarsi nel settore energia

Next Article

Ingegneria Sapienza: studenti pre-occupati

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.