In 40 per formarsi nel settore energia

Toscana Energia, insieme ad Eni e alla Fondazione Cesifin della Cassa di Risparmio di Firenze, ha organizzato il Corso di Alta Formazione sull’Energia rivolto a quaranta giovani studenti universitari e «under 40»…

Toscana Energia, insieme ad Eni e alla Fondazione Cesifin della Cassa di Risparmio di Firenze, ha organizzato il Corso di Alta Formazione sull’Energia rivolto a quaranta giovani studenti universitari e «under 40» impegnati nei settori della politica, delle istituzioni, delle organizzazioni di categoria.
All’iniziativa di formazione i partecipanti potranno accedere mediante borse di studio a totale copertura dei costi. Il corso si svolgerà in cinque fine settimana, nelle giornate di venerdì tardo pomeriggio e sabato mattina, dal 22 ottobre al 20 novembre, presso il nuovo plesso universitario di Pistoia, città che ospita Toscana Energia Green, società attiva nel campo del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili.
Le iscrizioni, aperte fino al 17 ottobre, possono essere effettuate collegandosi al sito www.toscanaenergia.eu. Ai corsisti è offerto anche un ricco programma d’intrattenimento culturale per le serate del venerdì, che prevede spettacoli teatrali, concerti, visite guidate a monumenti e musei, oltre alla possibilità di pernottamento gratuito a Pistoia. L’iniziativa si pone l’obiettivo di offrire un panorama sulle sfide del mercato energetico, le potenzialità delle fonti rinnovabili e le opportunità di risparmio energetico, soffermandosi in particolare sulle dinamiche nel territorio italiano e sugli indirizzi perseguiti dalla Regione Toscana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Bocconi cerca sportivi

Next Article

Premio speciale Laura Conti, il “riciclo della plastica”

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".