Premio Sciacca 2011 per le idee innovative

Premio Internazionale Giuseppe Sciacca assegna riconoscimenti e borse di studio alle precoci eccellenze italiane.

Ma chi lo ha detto che i giovani, in Italia, non hanno possibilità di emergere?  Da ormai dieci anni, il Premio Internazionale Giuseppe Sciacca assegna riconoscimenti e borse di studio alle precoci eccellenze italiane: giornalisti, registi, attori, scrittori, artisti, musicisti, grafici, fotografi, avvocati, studiosi del diritto, ricercatori, economisti, giovani imprenditori che si sono distinti per un’idea innovativa, per un risultato brillante o anche per il loro percorso di crescita umana e professionale.

Per partecipare, bisogna inviare domanda alla segreteria del premio, secondo i criteri previsti dal bando diramato dalla presidenza (e disponibile sul sito internet www.premiosciacca.it). C’è tempo fino al prossimo 15 ottobre. Possono partecipare tutti i giovani, laureati o meno, che non abbiano ancora 35 anni.

Dopodiché, la giuria di esperti, presieduta dall’insigne giurista Giuseppe Santaniello, sceglierà i vincitori, per ciascuna delle nove sezioni: Comunicazione e Giornalismo; Cinema e Teatro; Sport, Arti e Moda; Disegno, Grafica, Fotografia e Musica; Cultura della Pace e Tutela dei minori; Saggistica, Narrativa e Poesia; Scienze giuridiche e storiche; Economia, Ricerca e sviluppo; Giovani imprenditori.

Anche in questa decima edizione, la cerimonia finale si terrà in Vaticano, nell’Aula Magna della Pontificia Università Urbaniana: una cornice suggestiva e affascinante per una manifestazione altrettanto coinvolgente.

Oltre alla categoria Giovani, saranno conferiti diplomi di merito e premi speciali a varie personalità italiane e straniere. Infine, sarà premiato il Vincitore Assoluto 2011.

Nell’ambito della sezione “Cultura della Pace e Tutela dei minori” è stato sottoscritto un protocollo d’intesa con il Ministero della Giustizia – Dipartimento Giustizia Minorile, grazie al quale il Premio Sciacca, ogni anno, assegna una borsa di studio in denaro ai minori in custodia presso il Dipartimento che hanno inviato i loro lavori sui temi previsti dal bando.

Proprio per valorizzare le giovani eccellenze, il Premio ha sottoscritto protocolli d’intesa con numerosi enti ed istituzioni, fra cui ricordiamo il Coni, l’Anfe, la Fitp, stati esteri e diverse università italiane e straniere, che di volta in volta possono segnalare candidati meritevoli.

Le domande di partecipazione, da redigere secondo lo schema allegato al bando (Allegato A), e gli elaborati devono giungere alla segreteria del Premio entro e non oltre il 15 ottobre 2011.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Fantastico questo premio! Grazie per aver condiviso! Ne sono venuto a conoscenza grazie a quest’articolo.
    Speriamo che iniziative del genere vengano imitate il più possibile e che offrano sbocchi a forze lavoro spesso “tralasciate”.

Lascia un commento
Previous Article

Segreteria organizzativa

Next Article

Comunicare la scienza e l'innovazione

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.