Premio Panto dall’Università di Padova

L’Università degli Studi di Padova bandisce un concorso a due premi di studio dell’importo lordo di 3.500 euro ciascuno.
Detti premi sono finanziati dalla signora Elisa Panto, in qualità di fondatrice della Fondazione Giorgio Panto, al fine di tener vivo il ricordo del padre Giorgio Panto, un uomo che si è dedicato con estrema passione e amore al suo lavoro, dalla storica azienda di infissi fino al mondo dei media, diventando un personaggio di successo su più fronti.
I premi sono riservati a coloro che, residenti nella Regione del Veneto, abbiano conseguito, in data non antecedente al 2006, la laurea triennale o specialistica presso l’Università degli Studi di Padova, Facoltà di Economia o Facoltà di Scienze della Formazione e che abbiano elaborato una tesi o dei lavori inerenti a casi aziendali nei settori dell’economia o dei media.
La domanda di partecipazione al concorso, diretta al Magnifico Rettore di questa Università e redatta in carta semplice, secondo lo schema allegato al presente bando, dovrà essere fatta pervenire, al Servizio Formazione Post Lauream o portandola di persona o a mezzo servizio postale, inviandola all’indirizzo via VIII febbraio 1848 2, 35122 Padova.
Tutte le domande di partecipazione dovranno pervenire entro e non oltre la data del 30 ottobre 2008.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Product Supply alla Procter&Gamble

Next Article

Atenei, non si ferma la protesta

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.