Atenei, non si ferma la protesta

c.jpgAncora un giorno di proteste contro la legge 133/08. Dopo le iniziative di ieri, i cortei, i sit-in, le assemblee che hanno visto la partecipazione di decine di migliaia di ragazzi negli atenei di Roma, Bologna, L’Aquila, Ancona, Bari, Ferrara, Torino e Cagliari, anche oggi gli studenti sono in mobilitazione.
L’Unione degli Universitari (Udu) fa sapere che anche oggi il programma della mobilitazione è ampio: va avanti l’occupazione dell’edificio D5 di Novoli a Firenze, che vede tra i partecipanti anche la Sinistra Universitaria-Udu Firenze; a Palermo si svolgerà una molto attesa assemblea d’ateneo organizzata dall’Udu Palermo in collaborazione con docenti e ricercatori; a Ferrara oggi si chiude il ciclo di assemblee negli studentati organizzate dalla Rua-Udu Ferrara che rilancerà su una appuntamento generale dell’ateneo; a Parma avrà luogo nella facoltà di Economia un’assemblea organizzata dall’Udu Parma; in Calabria si è costituita un’Assemblea Permanente che ha di fatto occupato l’Aula Filol.8 della facoltà di Lettere e Filosofia; a Brescia per domani è previsto un presidio davanti al rettorato dell’associazione Studenti Democratici ed una conferenza stampa per affermare i motivi che portano anche gli studenti della città lombarda a scendere in piazza.
I “contestatori” che hanno lanciato la protesta intendono manifestare a oltranza contro i provvedimenti contenuti nella legge 133 «perché il governo capisca che non vi è altro modo per cessare queste mobilitazioni se non l’abrogazione degli articoli 16 e 66 e la considerazione dell’Università come una risorsa per il Paese e non come un onere di cui liberarsi».
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Panto dall’Università di Padova

Next Article

25 addetti alla vendita per Decathlon

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale