Premio "Maurizio Poggiali", per ingegneri aerospaziali

L’Associazione Maurizio Poggiali – in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma, l’Università Federico II di Napoli, ed il sostegno della Provincia di Roma – indice la quarta edizione del premio di laurea “Maurizio Poggiali” in Ingegneria Aerospaziale.
Lo scopo del premio è quello di incentivare e premiare l’impegno scientifico ed universitario nel settore dell’Ingegneria Aerospaziale, nonché di ricordare il compianto Capitano dell’A.M. Maurizio Poggiali, navigatore di Tornado, istruttore sperimentatore di sistemi avionici, e laureando in Ingegneria Aerospaziale presso l’Università di Napoli Federico II, deceduto l’8-8-1997, nell’incidente aereo sui Monti Lepini provocato da imperizia altrui.
Il premio di 1.000 euro, nonché il folder commemorativo del francobollo emesso, nel 2007, da Poste Italiane alla memoria del capitano Poggiali, sarà assegnato ad un laureato che abbia conseguito, nel corso degli anni accademici 2007-2008 e 2008-2009 una delle Lauree specialistiche offerte dalle Università Sapienza di Roma e Federico II di Napoli nel settore dell’Ingegneria Aeronautica e Spaziale.
Per partecipare al premio i candidati dovranno spedire la tesi al Direttore del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale e Astronautica dell’Università degli Studi di Roma Sapienza, via Eudossiana, 18 – 00184 Roma, entro il termine del 30 settembre 2009.
Scarica il bando

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master in Giornalismo, la professione è assicurata

Next Article

Univaq, è caccia all'alloggio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.