Pomezia: Azzolina, no razzismo in scuole

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, al Safer Internet Day 2020 “Together for a better internet” al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Napoli, 11 febbraio 2020. ANSA/ CESARE ABBATE

Vergognoso quanto accaduto, sono in contatto con i presidi

“Vergognoso quello che è successo a Pomezia, al liceo Pascal e all’Istituto di Largo Brodolini. Lo considero un attacco alla scuola e al suo ruolo educativo. Sono già in contatto con i dirigenti scolastici. Razzismo e antisemitismo non entreranno MAI a scuola”. Lo scrive su Twitter la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. Davanti a due scuole della cittadina laziale sono comparse scritte antisemite.

“Calpesta l’ebreo” e “Anna Frank brucia”, accompagnate da varie svastiche: sono le due scritte apparse davanti agli istituti di Pomezia. “E’ un preoccupante segnale del diffondersi del razzismo e del sentirsi autorizzati a palesare le intolleranze razziali – sottolineano gli studenti – il liceo Blaise Pascal si è subito attivato per condannare queste azioni e per cancellare queste scritte turpi che colpiscono nel cuore la casa degli studenti”.

ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus. Manfredi: “Si estendano anche alle Università le misure previste per gli studenti rientrati di recente dalla Cina”

Next Article

Coronavirus, cancellato il Mobile World Congress a Barcellona

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident