Pisa, 2 feriti durante la protesta contro Profumo:”Presi a manganellate”

pisa

Caos a Pisa e scontro tra polizia e manifestanti. Un centinaio di studenti e precari dei collettivi stavano protestando contro i tagli del governo all’istruzione, in occasione della visita di Giuliano Amato e Francesco Profumo alla Scuola Sant’Anna. La tensione è salita alle stelle e la polizia è intervenuta. Due ragazzi sono rimasti feriti- forse perché colpiti dai manganelli.

“E’ stata una cosa assurda”, ha testimoniato Federico Olivieri, ricercatore precario dell’Università di Pisa e candidato al consiglio comunale per Rifondazione Comunista.

“Non c’era nessun motivo per avvicinarsi ai manifestanti che stavano solo protestando in modo civile e pacifico contro il ministro Profumo. Il cancello era chiuso e i poliziotti proteggevano ogni possibile accesso, non c’era nessun pericolo che i ragazzi potessero scavalcare. Vorrei che in questa città fosse ancora possibile esprimere il proprio dissenso senza essere presi a manganellate”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coca Cola Cup: il torneo degli studenti

Next Article

"Il Tetris guarisce l'occhio pigro"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.