Perugia, l’Università per stranieri contro la guerra in Libia

Il rettore: “L’Italia deve vincere la pace e costruire nuove classi dirigenti”

L’Italia deve «vincere la pace», e non vincere eventuali guerre. Ed «essere leader di questo processo». A dirlo è il rettore dell’Università per stranieri di Perugia, Stefania Giannini, commentando quanto sta accadendo in Libia e in altri Paesi del Mediterraneo. «Bisogna essere in grado – ha spiegato – di governare i processi che stanno al di là delle emergenze politiche». Parlando con l’ANSA, il rettore ha sottolineato che questo obiettivo si raggiunge «aiutando una nuova classe dirigente a governare e a sviluppare le proprie nazioni».

Ha quindi ricordato che l’Università per stranieri «in più di un’occasione si è trovata ad accogliere studenti provenienti da aree del mondo in cui ci sono situazioni drammatiche». «Trovano qui – ha aggiunto – una possibilità di continuare la loro formazione, anche umana. Una briciola nell’oceano vasto della formazione ma anche la conferma il nostro obiettivo è pensare al ‘dopò. Tutti questi Paesi vinceranno infatti la loro scommessa se avranno una classe dirigente pronta».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tor Vergata, ancora furti in facoltà

Next Article

A Roma Tre si goca a bridge

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"