Pergamena di laurea: addio alle lunghe attese. Da oggi sarà stampata 5 minuti dopo la discussione

Niente più attese e lunghe file nelle segreterie amministrative: da oggi, la pergamena di laurea arriva 5 minuti dopo la discussione della tesi. Una vera e propria (piccola) rivoluzione: la stampa digitale della pergamena di laurea permetterà ai neo dottori di ricevere il proprio attestato immediatamente dopo la proclamazione.
A sperimentare l’innovazione sarà l’Università di Bari. “Un risultato importante ottenuto grazie all’uso della firma digitale”, commenta il rettore Antonio Uricchio. Le pergamene saranno stampate direttamente in seduta di laurea grazie a dispositivi ad alta risoluzione. I neo laureati, così, non dovranno aspettare mesi prima di recarsi nuovamente in segreteria amministrativa, compilare moduli e pagare bollettini, fare lunghe file per ottenere il tanto agognato “pezzo di carta”.
Ma l’innovazione tecnologica servirà anche a risparmiare: “La stampa in house della pergamena di laurea su stampanti grafiche ad alta risoluzione e alte prestazioni (30 copie al minuto) — scrivono nella relazione presentata in senato i coordinatori dell’attività il professor Fabio Mavelli e il dirigente del dipartimento studenti Raffale Elia — permetterà un abbattimento del costo della stampa per singola pergamena passando dagli attuali 3,30 euro a 0,60 euro con un risparmio annuale di 21.600 euro a fronte di un numero di laureati di circa 8mila unità per anno”.
Una rivoluzione che permetterà anche lo smaltimento degli arretrati: solo nell’Università pugliese, si stima che siano circa 24 mila le pergamene in attesa di essere stampate dal 2012. Tutta colpa di cambi di diciture che, se effettuati manualmente, portano alle attuali attese di quasi 5 anni e ad una spesa extra stimata in oltre 82.500 euro.
Ora spetterà anche agli altri atenei italiani seguire l’esempio virtuoso dell’Università di Bari, per la felicità dei neo dottori, ma anche per salvaguardare i bilanci.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 21 gennaio

Next Article

Internship retribuita in giornalismo scientifico con lo European Southern Observatory

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.