La rassegna stampa di giovedì 21 gennaio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Ai laureati più chance in cattedra – La riforma delle classi di concorso approvata ieri dal Consiglio dei Ministri permetterà ai possessori di un titolo di laurea di insegnare una maggiore quantità di discipline sia nella scuola primaria che in quella secondaria.
Il Sole 24 Ore – La cultura della legalità sbarca nei Tg regionali – L’iniziativa della Rai al di là delle questioni di audience: informare giovani e non sui temi della sicurezza, della legalità, dei pericoli relativi al web. La televisione torna alla sua vocazione originaria di strumento per l’educazione pubblica.
La Gazzetta del Mezzogiorno – Il professor Mogol: “Ragazzi, il talento va conquistato” – L’intervento del celebre paroliere, ieri, all’Università di Bari: per spiegare ai ragazzi che il talento è fatto anche di fatica e sudore.
Corriere della Sera – Ecco come vivremo fino a 150 anni. Lavorando e (studiando) per un secolo – Mentre in Italia si discute sull’aumento dell’età pensionabile, i genetisti e gli scienziati riuniti in convegno a Davos spiegano come nel prossimo futuro sarà possibile allungare la durata media della vita con conseguente, inevitabile, innalzamento del limite minimo di anni lavorativi (che potrebbero arrivare a 100).
Corriere della Sera – Ci sono indizi di un nono pianeta nel sistema solare – Si tratterebbe di un pianeta gigante ai confini estremi del nostro sistema: l’ipotesi avanzata ieri da un gruppo di studiosi, potrebbe rivoluzionare le attuali conoscenze sul sistema solare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cdm, via libera alle nuove classi di concorso scuola. Torna Scienze Politiche, esordisce l'italiano per stranieri

Next Article

Pergamena di laurea: addio alle lunghe attese. Da oggi sarà stampata 5 minuti dopo la discussione

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.