Per fare sport non serve piu’ il certificato medico

certificato per iscriversi in palestra

Niente più certificato medico – Il popolo degli appassionati di fitness, “sono circa 6 mln gli iscritti alle palestre sparse sul territorio”, e’ pronto a tornare ad allenarsi e da quest’anno senza nessun obbligo di presentare il certificato medico. Ma non e’ detto che questo si traduca in un ‘addio al pezzo di carta’.”Molti titolari di strutture e centri sportivi continueranno a richiedere quello di sana e robusta costituzione del medico di base, soprattutto per tutelarsi”.

A fare il punto della situazione e’ Paolo Adami, presidente della Federazione italiana aerobica e fitness (Fiaf), che interviene chiarendo la posizione dei titolari di palestra sulle polemiche che hanno accompagnato l’approvazione del decreto che rivede il sistema di certificazione medico sportiva voluto dall’ex ministro della Salute Balduzzi.

Quella delle nuove norme sui certificati medici e’ una questione su cui in questi giorni anche i medici e i pediatri hanno chiesto chiarezza. “L’orientamento dei titolari delle palestre, a poche settimane dalla riapertura delle strutture – dice Adami all’Adnkronos Salute – e’ quello di richiedere il certificato, loro perche’ sono responsabili di cio’ che accade e in caso di fatalita’ potrebbero risponderne”.

Rimane invece l’obbligo del certificato per chi svolge un’attivita’ non agonistica (gli alunni che seguono attivita’ parascolastiche organizzate dagli istituti, dal Coni o societa’ affiliate e chi partecipa ai Giochi della gioventu’); inoltre “i medici o i pediatri di base dovranno annualmente stabilire, dopo anamnesi e visita, se questi ultimi necessitano di ulteriori accertamenti come l’elettrocardiogramma”, come riporta l’emendamento introdotto in Senato ad agosto che ha abrogato l’obbligo di certificazione per l’attivita’ ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7 del Dl Balduzzi sullo sport inserito nel ‘Decreto del fare’.

“I dati piu’ recenti stimano in 6 mln gli iscritti nelle palestre – ricorda Adami – anche se al riguardo non ci sono dati certi. E il 90% dell’attivita’ sportiva praticata rientra in quella definizione di ludico-motoria amatoriale che, insieme a quella non agonistica e agonistica, classifica gli utenti del settore. Il legislatore – sottolinea – non ha mai previsto per chi pratica il tennis, il calcetto o il nuoto in maniera occasionale, di dover dimostrare di essere in buona salute.

Sta al buon senso della persona non mettere a rischio il proprio fisico e sottoporsi, se fa sport in modo amatoriale ma continuativo, a esami e test per prevenire pericolose fatalità”.

 

Total
0
Shares
2 comments
  1. Diciamo che non mi è molto chiara ancora la situazione… vedere scritto che il certificato non serve più per attività amatoriale in palestra (sono un frequentatore che fa pesi, ma a scopo amatoriale), ma poi citare l’atteggiamento attuale dei gestori delle palestre in merito alla richiesta del certificato, non mi aiuta! Ok che vogliono tutelarsi, ma la domanda è: possono pretenderlo? Va bene che lo chiedono, ma l’iscritto può rifiutarsi avvalendosi di tali recenti abrogazioni?

  2. Buongiorno!
    Ho letto questo articolo e vorrei delle delucidazioni in merito.

    Gestisco un’associazione sportiva ad Ancona e a pochi giorni dalla ripresa dell’attività c’è un gran caos su questi certificati medici.
    Ancora qui ad Ancona il 90% dei medici fanno il classico certificato di sana e buona costituzione, alcuni nuovi clienti mi fanno delle storie perchè dicono che il medico curante non vuole emettere il certificato medico???!!
    Persone che non fanno attività da tempo e che addirittura non l’hanno mai fatta e che tra l’altro neanche conosco…( vi lascio immaginare)!!!
    Scusate la domanda : ma noi gestori, nonchè istruttori come ci tuteliamo??
    Se la persona si sente male e nel peggiore dei casi ha un infarto in palestra , chi risponde, nonna ??
    E sono una persona ottimista al massimo… perchè non succede mai niente ma quando ti capita proprio a te e nella tua struttura ?? Smetti di lavorare in Italia !!! Oltre ad avere una bruttissima pubblicità anche se non dipende da te!!

    E’ davvero assurdo!
    L’obbligo del defibrillatore e non il certificato medico ????
    Potrei avere una risposta in merito per favore?

    Grazie
    Saluti
    Francesca

Lascia un commento
Previous Article

Test d’ingresso all’università: tutti bocciati in Liberia

Next Article

Orsacchiotto da record: un peluche batte il primato di caduta libera di Felix Baumgartner

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.