Test d’ingresso all’università: tutti bocciati in Liberia

tutti bocciati

Tutti bocciati al test d’ingresso – È successo alla University of Liberia, dove nessuno dei 25 mila candidati ha superato la prova d’ammissione. Un incubo che si realizza a pochi giorni dalle selezioni in Italia, che interesseranno 115 mila studenti

 

Tutti bocciati al test d’ingresso. È la peggior paura delle migliaia di studenti italiani alle prese con le prove di ammissione; un incubo divenuto realtà per i ragazzi della University of Liberia, l’Ateneo della piccola repubblica africana che non ha ammesso nessuno dei 25 mila iscritti alle prove di selezione.

Nessuno dei partecipanti al test ha ottenuto i punteggi minimi in matematica (50 % delle risposte corrette) e inglese (70 %); soltanto da 1600 candidati al diploma di laurea, infatti, si sono avvicinati alla soglia minima richiesta, ottenendo almeno il 40 % in matematica e il 50 % in inglese. Risultato: non ci sarà nessuna nuova matricola per il nuovo anno accademico.

“Mancavano d’entusiasmo e della comprensione elementare dell’inglese”. Ha commentato Momodu Getaweh, portavoce dell’Università, ma pronta è arrivata la risposta del ministro dell’Istruzione liberiano, Etmonia David-Tarpeh: “So che ci sono molte debolezze nelle scuole – ha dichiarato alla BBC – ma che un gruppo di persone tanto grande si presenti agli esami e nessuno li superi, mi lascia dubbiosa. E’ come un omicidio di massa”.

Una situazione inverosimile, che, però, non deve spaventare i nostri ragazzi: con 115 mila iscrizioni ai test d’ingresso e per la legge dei grandi numeri sarà difficile ripetere il l’exploit della University of Liberia.

DI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Service Tax? Farà solo aumentare gli affitti in nero. E tutti i fuorisede dovranno pagarla di tasca propria

Next Article

Per fare sport non serve piu' il certificato medico

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.