Patto “prima occupazione”: c’è l’intesa

Il piano prevede azioni di orientamento per studenti della ScuolaSecondaria di Primo Grado; di accompagnamento all’inserimento lavorativo degli studenti della Scuola Secondaria di Secondo Grado, attraverso il Patto Prima Occupazione che prevede percorsi strutturati finalizzati ad un inserimento stabile e coerente con il percorso di istruzione/formazione del soggetto; di ”placement” scolastico; di verifica dell’efficacia dei risultati di apprendimento scolastico.
Il Patto di Prima Occupazione che sara’ sperimentato nell’ambito del piano dovra’ prevedere la realizzazione di un’esperienza di lavoro finalizzata alla qualificazione professionale e a garantire un adeguato e stabile inserimento in azienda dei soggetti (neo-diplomati, neo-qualificati e neo-laureati, soggetti in mobilita’), rispondendo nel contempo anche ai reali fabbisogni del sistema produttivo, e un contratto di apprendistato professionalizzante da stipulare al termine del percorso formativo.
”La firma di questa intesa – ha detto Sabella – sancisce un rapporto di collaborazione consolidato nel tempo tra Ufficio Scolastico e Regione, mentre il vicepresidente di Confindustria Pedrollo ha detto che per venire fuori dalla crisi c’e’ bisogno di giovani preparati che siano in grado di aiutare le imprese venete ad innovare e a continuare ad esportare i propri prodotti di qualita’ all’estero.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guinnes dei primati, a Bruxelles 34 metri di cioccolata

Next Article

Gli Atenei? Meglio mini che super

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.