Patto MIUR-DIFESA: nel 2016 le scuole a bordo di una navicella spaziale

Proseguono anche nel 2016 le attività per le scuole promosse dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca assieme al Ministero della Difesa nell’ambito del Protocollo d’Intesa, siglato dalle due Amministrazioni, e sottoscritto dai Ministri Stefania Giannini e Roberta Pinotti nel settembre 2014. La finalità dell’accordo è quella di educare gli alunni all’esercizio della democrazia e favorire l’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo delle competenze relative alla Costituzione italiana e dei valori fondanti per l’esercizio di una cittadinanza attiva a tutti i livelli del sistema sociale. Il piano delle attività Miur-Difesa è curato nei due Dicasteri rispettivamente dal Sottosegretario Gabriele Toccafondi e dalla Senatrice Teresa Armato, Consigliere del Ministro della Difesa.
Dall’educazione stradale, al concorso per celebrare i 70 anni della Fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, alle iniziative sui temi della Grande Guerra, al bando per un progetto da portare nello spazio: un vero e proprio piano di iniziative didattiche e formative che saranno portate avanti a partire da questo anno scolastico. Il piano è rivolto agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado.
Spicca per prestigio, valenza formativa e originalità il concorso “Scuola: spazio al tuo futuro”. Gli studenti saranno chiamati ad elaborare proposte di sperimentazione da svolgere a bordo della International Space Station, basandosi sulle competenze tecniche e scientifiche acquisite durante il percorso scolastico e successivamente elaborate anche con il supporto dei docenti e delle organizzazioni sponsor dell’iniziativa. Il bando verrà lanciato nel 2016/2017 ed è rivolto alle classi IV e V delle scuole secondarie superiori.
E’ dedicato agli alunni delle scuole primarie il ciclo di lezioni di educazione stradale “La buona strada della sicurezza”. Vuole incoraggiare nei bambini il senso di responsabilità individuale e collettiva. Le lezioni saranno tenute – per gli istituti che ne faranno richiesta – dagli esperti dell’Associazione Nazionale Autieri d’Italia (Anai).
Ha invece un respiro internazionale il concorso “Nazioni Unite per la pace”, promosso in occasione delle celebrazioni per la ricorrenza dei 70 anni della fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Miur e Ministero della Difesa mirano così a stimolare una riflessione sulle sfide relative alla sicurezza di tutti gli Stati. Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 31 marzo 2016.
Testimonial e docenti d’eccezione in cattedra. Con quasi 3.100 conferenze nelle scuole di tutta Italia e la partecipazione di circa 254mila studenti, continuano anche per l’anno scolastico 2015/2016 gli incontri tenuti dai militari del Gruppo Sportivo Disabili Difesa. Come per la precedente edizione, l’attenzione sarà focalizzata sul ruolo che le Forze Armate svolgono a livello nazionale e internazionale (in particolare sull’Art. 11 della Costituzione). Gli incontri vogliono offrire agli alunni anche un momento di riflessione sui valori che derivano dall’esperienza personale degli atleti disabili.
L’anno scorso sono stati oltre 500 gli elaborati inviati dalle scuole per il bando “La Grande Guerra” che è stato lanciato nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della Prima Guerra Mondiale. Il bando viene riproposto anche per questo anno scolastico, sempre con un occhio al contributo che le Forze Armate hanno offerto, ed offrono, per la difesa della Pace. Studenti e insegnanti questa volta avranno un aiuto in più: potranno contare su materiali provenienti dal patrimonio storico e documentale del Ministero della Difesa che sono andati ad arricchire il portale www.articolo9dellacostituzione.it (realizzato dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici del Miur).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur - Ucei: accordo per didattica mirata e formazione docenti sulla Shoah

Next Article

La rassegna stampa di martedì 19 gennaio

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.