Parte Jungle Europa, il podcast per dare voce ai giovani europei

Otto episodi, un tema per ogni puntata, ma anche rassegna stampa, consigli di lettura, il dibattito sui social. Un progetto a cura del Visual Lab, in collaborazione con Bulle Media, all’interno di Eu4You, il viaggio in 27 tappe di Repubblica e di altri quattro quotidiani europei.
Un dialogo a due, per raccontare l’Europa attraverso le voci di giovani professionisti italiani che vivono e lavorano all’estero, dai freelance ai ricercatori universitari, voci fresche per sciogliere la complessità dell’Europa. È anche l’immagine suggerita dal titolo del podcast: Jungle Europa, una giungla, un’Europa, difficile e affascinante.
L’Europa nelle sue tante sfaccettature viene raccontata tenendo insieme i tratti più complessi, il garbuglio della politica, le istituzioni e i piani per il futuro. Otto temi, uno per ogni puntata. Otto focus su altrettanti Paesi. Dai diritti civili all’immigrazione, dai cambiamenti climatici alla ricerca. Per avvicinarsi alla data delle elezioni del 26 maggio con più consapevolezza. Si parte, per il primo episodio, con il tema del lavoro e dell’occupazione.
In tutta Europa la disoccupazione ha fatto segnare una decisa flessione, attestandosi sul 7,8 per cento per l’area euro e sul 6,5 per cento per l’area dell’Europa a 28. Due gli esempi particolarmente virtuosi: Germania e Olanda, che fanno tassi minimi di disoccupazione, rispettivamente del 3.2% e 3.6%. Ed è la Germania il punto di partenza per questo audio-viaggio. Questo il punto di partenza per la prima puntata. Sul sito https://lab.gedidigital.it/repubblica/2019/esteri/jungle-europa/ oltre agli episodi da ascoltare (disponibili anche su iTunes, Spotify e in download) ci sarà sempre un approfondimento, un grafico riassuntivo del tema e i link ai consigli di lettura.
Il podcast Jungle Europa è una voce “pop” per avvicinarsi alle elezioni europee del 26 maggio. Una voce che unisce due esperienze innovative, quella di Bulle Media, agenzia europea di produzione di contenuti audio e radiofonici, e quella del Visual Lab, team di sperimentazione del Gruppo Gedi. Un lavoro che fa parte del progetto Eu4You nato per raccontare che cosa fa l’Europa per ciascuno di noi: in vista delle elezioni parlamentari europee, i giornalisti di La Repubblica e altri quattro quotidiani dell’alleanza editoriale Lena – il polacco Gazeta Wyborcza, lo spagnolo El Pais, il belga Le Soir e lo svizzero Tribune de Geneve – visitano tutti gli Stati membri europei. Un viaggio in 27 tappe lungo 4 mesi per scoprire come l’Unione incide nel nostro quotidiano e in che modo è presente nei nostri Paesi, nelle nostre città e nelle nostre regioni. Il podcast va in questa direzione pensato soprattutto ai giovani: una fotografia dell’Europa che parte dai temi legati agli obiettivi che la Commissione Europea si è prefissata per il 2020.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Modena, nasce il liceo per gli sport invernali: «È la maturità degli sciatori»

Next Article

Quali saranno i lavori del futuro?

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.