Parma, accordo università e farmacie per tamponi agli studenti stranieri già vaccinati all’estero 

Servizio rivolto esclusivamente a iscritti e iscritte stranieri già vaccinati all’estero con vaccini non riconosciuti in Italia. Costo interamente a carico dell’Ateneo 

L’Università di Parma ha stipulato un accordo quadro con alcune farmacie cittadine per l’esecuzione di tamponi Covid-19 a favore di studentesse e studenti stranieri già vaccinati all’estero con vaccini non riconosciuti in Italia: studentesse e studenti che attraverso il tampone possono ottenere il Green Pass, necessario per l’accesso alle strutture universitarie. 

Un nuovo intervento dell’Ateneo nell’ottica del diritto allo studio: con il solo vaccino fatto all’estero, infatti, questi giovani e queste giovani dovrebbero restare fuori dalle strutture dell’Università. 

Per usufruire del servizio le studentesse e gli studenti stranieri dovranno prendere appuntamento direttamente con la farmacia e identificarsi mostrando la Student Card.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article
I titoli dei nuovi corsi ruotano attorno ai concetti di green e digitale con le parole chiave "competenze digitali” e “ambiente, sostenibilità, eco”

Università più green: 6 atenei italiani entrano nella top 100 mondiale. Primato a Bologna ma Padova guadagna 60 posizioni

Next Article

A Bologna il caso dell'inafferrabile volpe della facoltà di Ingegneria: per catturarla utilizzate esche alla mortadella

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).