Parigi: opportunità di stage per Paperblog

Paperblog offre possibilità di stage di 6 mesi a Parigi. Richieste conoscenze informatiche.

Paperblog, sito partecipativo di informazione che seleziona, organizza e diffonde gli articoli dei blogger iscritti, permette di effettuare i seguenti stage a Parigi (Francia) per la durata di 6 mesi ciascuno:
–    nel campo della comunicazione online:
i partecipanti si occuperanno di identificare e definire la mission in materia di comunicazione, collaborare all’ottimizzazione del sito, rispondere e partecipare attivamente alle necessità dei lettori.
–    Nello staff incaricato del coordinamento e della qualità dei contenuti presenti sul sito:
i partecipanti contribuiranno alla gestione dei contenuti di Paperblog, attraverso la ricerca, la selezione e la validazione degli articoli presenti, e risponderanno attivamente alle necessità dei lettori.
Per entrambi gli stage si richiedono conoscenze informatiche di base, del web, dei blog, buone capacità di redazione testi, buona cultura generale, conoscenza approfondita della società e dell’attualità italiana, buona conoscenza delle lingue francese e inglese.
Per presentare la candidatura, inviare il proprio CV accompagnato da una lettera di motivazione a [email protected].
Per ulteriori informazioni consultare il sito internet.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Federico II: mobilità sostenibile

Next Article

Premio di Laurea "Raeli" per Tor Vergata

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.