Federico II: mobilità sostenibile

“Quali modelli per lo sviluppo della mobilità urbana” si terrà l’ 8 giugno presso la Facoltà di Sociologia.

Quali modelli per lo sviluppo della mobilità urbana” è il titolo dell’incontro che si terrà l’ 8 giugno presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
L’evento è organizzato da “Post-it Lab”, un gruppo di studenti del corso di laurea in Comunicazione pubblica, sociale e politica, in collaborazione con la docente di Comunicazione pubblica e istituzionale Rossana De Rosa che nell’occasione illustrerà il piano di comunicazione elaborato dagli studenti.
L’incontro porterà sul tavolo di confronto il tema della mobilità sostenibile, un problema che coinvolge soprattutto le città e in particolare quella di Napoli, e cercherà di evidenziare il ruolo attivo della cittadinanza per lo sviluppo sociale di un territorio attraverso un approccio interdisciplinare. Saranno presenti in aula, infatti, non solo docenti universitari, ma anche sociologi, urbanisti ed esperti del settore.
Il seminario sarà aperto dal preside della Facoltà Gianfranco Pecchinenda.
Seguiranno gli interventi di Aldo Loris Rossi, docente di Progettazione architettonica e ambientale presso la facoltà di Architettura, Anna Maria Zaccaria, docente di Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile, Enrico Russo Presidente dell’Officina del Turismo Giovanile, Salvatore Iovieno, dirigente esercizio e manutenzione CTP, Antonietta Sannino, direttore del Consorzio Unico Campania, Stefano Mollica, Presidente Aislo, Anna Donati, direttore Generale ACaM, Agostino Nuzzolo, Assessore alla Mobilità Urbana del Comune di Napoli.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lettera della rete 29 aprile ai rettori

Next Article

Parigi: opportunità di stage per Paperblog

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".