OrientaSud, al via la prima giornata. Il ministro Giovannini: “Lavoriamo per i giovani”. Il presidente del Tribunale di Napoli: “Ragazzi, non perdete la fiducia”

IMG-20131029-WA0003

“Stiamo lavorando per l’assunzione a tempo indeterminato dei giovani” -E’ partita con le parole del ministro Enrico Giovannini  stamattina la 14esima edizione di OrientaSud, il salone aperto a tutti gli studenti degli ultimi anni delle superiori che valorizza la filiera dell’istruzione e del lavoro. La stazione marittima di Napoli diventa per tre giorni vetrina di tutte le opportunità di studio o lavoro per i giovani del sud, con la presenza di personaggi importanti del mondo dell’istruzione e del lavoro.

“Il governo sta lavorando per l’assunzione a tempo indeterminato dei giovani – ha esordito il ministro. Abbiamo stanziato diversi milioni per 3.000 tirocini, e nel prossimo anno intendiamo arrivare a quota 7.000. Stiamo creando un incontro tra domande e offerta nel mercato del lavoro: l’Expo che si terrà a Milano nel 2015 può essere davvero la vostra prima occasione per mettervi in evidenza e per far girare le vostre idee”.

Il ministro si è soffermato poi sull’importanza della scelta nel mercato del lavoro: “L’orientamento è fondamentale per spingere i ragazzi verso il mercato del futuro”. Una studentessa napoletana, poi, ha chiesto di fare una domanda in diretta al ministro: “Vogliamo rimanere nella nostra terra, costa sta facendo il governo per non costringerci ad emigrare?”. Pronta la risposta di Giovannini: “Stiamo lavorando duro per incentivare l’imprenditorialità e le opportunità per i giovani”.

Alla manifestazione in mattinata è giunto anche Carlo Alemi, presidente del Tribunale di Napoli: “Anche se a volte lo stato sembra essere assente, ragazzi non perdete la fiducia” – ha detto rivolgendosi ai tanti giovani presenti.

Dal diploma al mondo del lavoro, passando attraverso corsi di laurea o di specializzazione, con un ampio sguardo alle possibilità  di stage e tirocini che l’Europa e l’Italia mettono a disposizione dei ragazzi.

Insieme al ministero del lavoro, quest’anno partecipa da protagonista anche il Formez e, per la prima volta al sud, la Commissione Europea che attraverso dei laboratori aperti ai giovani, illustrerà ai ragazzi i vari percorsi perseguibili per potersi costruire una carriera di studio o lavoro in Europa.

Sono già 10mila gli studenti che hanno prenotato il loro ingresso e che parteciperanno alle varie conferenze sulla guida alla scelta dell’università, ai colloqui di orientamento di gruppo o individuali.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il biotech porta nei laboratori 271 milioni l'anno

Next Article

Atenei, Sud contro Nord nella disfida del merito

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"