Orientamento universitario: direzione professioni creative

Sta iniziando il conto alla rovescia per i 500mila maturandi italiani, che oltre ad essere impegnati nella preparazione dell’esame orale finale, devono affrontare la difficile scelta della strada da intraprendere nel futuro.

Per chi vuole scegliere una formazione indirizzata al mondo delle arti creative, è importante orientarsi verso un percorso formativo che consolidi determinate competenze. Gli ambiti emergenti e innovativi sono quelli del digitale e della sostenibilità.

Le professioni in ambito creativo tuttavia mantengono buone prospettive lavorative, in quanto richiedono originalità e capacità umane, caratteristiche non sostituibili dall’intelligenza artificiale. Le nuove tecnologie e il rispetto del mondo in cui viviamo sono aspetti che si integrano perfettamente con la creatività nei percorsi proposti da NABA, Nuova Accademia di Belle Arti.
Questa accademia risulta eccellente secondo due criteri: l’Academic Reputation, che misura l’apprezzamento della comunità accademica globale e la Employer Reputation, che valuta i luoghi di formazione dei laureati e diplomati più competenti e adeguati per il mercato del lavoro. L’offerta formativa di questo istituto comprende corsi nell’ambito della moda, della comunicazione, del design e delle arti multimediali, che al momento sono particolarmente richiesti per soddisfare le esigenze della società attuale.

Alcune delle nuove professioni emergenti in campo creativo sono:

  • social design
  • textile design
  • media design e arti multimediali
  • user experience design
  • art director
  • set design

Scopri maggiori informazioni su questi percorsi nella nostra guida:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si incatena al banco per non indossare la mascherina: 18enne crea il caos in classe

Next Article

Olga, la studentessa simbolo che rischia il carcere in Russia: "Ma io vado avanti"

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"