Orientamento, settimana di full immersion a Milano

orientamento a milano

Orientamento a Milano Presentato ieri a Milano il progetto “Learning Week”, un programma di orientamento alla scelta del lavoro e dell’università che si rivolge agli studenti delle scuole superiori e che prevede periodi di studio e acquisizione di esperienze, da svolgere durante l’anno scolastico e le vacanze natalizie, pasquali ed estive.

“Learning Week mette lo studente al centro di un cammino di apprendimento e scoperta: veri e propri corsi intensivi, dedicati a uno o più ambiti culturali e disciplinari, concentrati in un periodo di tempo breve” – ha spiegato l’assessore alla regione Lombardia Valentina Aprea.

Ben 6,5 milioni di euro, tutti in fondi europei, sono stati stanziati per la creazione del catalogo 2013-2014.

Gli obiettivi delle prossime “Learning Week” saranno rivolti alla valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico, all’acquisizione di competenze nel settore dell’industria culturale e della green economy, oltre all’apprendimento dei nuovi linguaggi delle discipline artistiche multimediali.

Dalle parole di Veronica, quinto anno di liceo scientifico, al termine del suo percorso legato al fare impresa si capisce la valenza di questa iniziativa: “Ho capito proprio in quei giorni dove indirizzare le mie scelte future, anche grazie all’aiuto del nostro tutor, davvero bravo e preparato”.

Il progetto, infatti, punta a essere un ponte tra la scuola, il lavoro e la formazione universitaria, nel delicato momento in cui gli studenti si trovano a prendere le decisioni che influenzeranno il loro avvenire.

 

Per maggiori info consultare il sito https://www.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=DG_IFL%2FMILayout&cid=1213358330668&pagename=DG_IFLWrapper

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Interoll investe in Italia e apre a nuovi talenti

Next Article

"Botteghe scuola": in Campania giovani contrattualizzati per imparare il mestiere

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident