Interoll investe in Italia e apre a nuovi talenti

Interoll investe in Italia

Interoll investe in Italia Il gruppo leader in Europa nel settore logistica interna inaugura la nuova sede a Rho

Interroll, gruppo leader in Europa nel settore della logistica interna, sceglie di investire in Italia, precisamente a Rho (MI) dove ha da poco aperto una filiale. Lo ha garantito l’amministratore delegato dell’azienda svizzera, Paul Zumbuehl, in un’intervista rilasciata a Libero.

La sede italiana è stata affidata a Maurizio Catino, un manager locale, conta al momento poche decine di dipendenti, ma è destinata a crescere e ad assumere nuovi talenti.

“Capisco che possa apparire un gesto sconsiderato, ma credo che questo sia il momento giusto per investire in Italia. Il potenziale del vostro Paese è davvero impressionante. Qui c’è sia la tecnologia che manager molto bravi” – ha dichiarato Zumbuehl.

L’azienda, che ha fatturato nel 2012 oltre 250 milioni di euro e dà lavoro a 1500 impiegati, punta in particolare al settore aeroportuale italiano e all’automatizzazione dei sistemi di sicurezza e gestione dei bagagli.

“L’Italia è ricca di primati industriali. Girando per il mondo uno s’imbatte quasi sempre in imballaggi made in Italy piuttosto che in macchinari costruiti in Emilia o in Veneto. Credetemi, dalle vostre parti la tecnologia c’è” – ha concluso il ceo di Interroll.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miracolo americano a Lecce: il pasticciotto Obama crea posti di lavoro

Next Article

Orientamento, settimana di full immersion a Milano

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.