Orientamento anti-crisi

Il “Rapporto nazionale orientamento 2009” presentato, alla sua prima edizione, in queste ore a Roma presso il Centro Congressi Frentani.

Sono ben 10.244 le strutture censite lo scorso anno per il “Rapporto nazionale orientamento 2009” presentato in queste ore a Roma presso il Centro Congressi Frentani.
Il convegno teso ad esporre la costruzione dell’anagrafe degli enti italiani che erogano servizi di orientamento è estremamente importante poiché si colloca in un contesto di “presa di coscienza”. Infatti, la collaborazione delle istituzioni e degli esperti che danno vita all’orientamento è decisiva per il progresso dell’intero paese. Isfol, Unione Europea e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali stanno appunto trasmettendo questa strategia identificandola come leva possibile per il superamento della crisi in cui si vacilla da tempo. Istruzione, formazione, università e lavoro sono gli ambiti in cui l’orientamento nasce e in questa giornata di studi verranno presentati proprio i risultati concreti ottenuti nell’anno 2009.
All’apertura dei lavori hanno partecipato il Presidente dell’Isfol Sergio Trevisanato e Matilde Mancini del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Molti altri saranno i relatori della giornata, tra cui Anna Grimaldi dell’Area per l’orientamento Isfol e Domenico Sugamiele Direttore dell’ente stesso. Al termine, inoltre, il dibattito aperto con i partecipanti al convegno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aquis: "criteri equi nel dare fondi agli atenei

Next Article

Napoli città d’arti

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.