Napoli città d’arti

Giovedì 29 aprile, presso la sala dell’accoglienza di Palazzo Reale a Napoli si terrà una giornata di studio da titolo “Napoli città d’arti: valori e culture a confronto”

Giovedì 29 aprile, presso la sala dell’accoglienza di Palazzo Reale a Napoli si terrà una giornata di studio da titolo “Napoli città d’arti: valori e culture a confronto”.
Il convegno ha lo scopo di inaugurare un percorso tra le varie arti presenti nella città partenopea come l’editoria, l’artigianato, la musica, prestando attenzione alle vecchie tradizioni e alle nuove.
Questa giornata, che darà il via ad un ciclo di seminari mensili, ha l’intento principale di sollecitare una riflessione proprio su queste forme d’arte per individuarne possibili risvolti che siano di aiuto ad un maggiore sviluppo della città.
Tra i partecipanti ci saranno alcuni docenti dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, dell’Orientale e dalla Seconda Università di Napoli l’Assessore all’edilizia Pasquale Belfiore. Interverranno tra gli altri: Mario Coletta, direttore del dipartimento di Conservazione dei beni architettonici ed ambientali, Maria Rosaria Nappi della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Campania e Emilio Alfano Presidente dell’ Associazione Piccole e Medie Industrie di Napoli e Provincia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orientamento anti-crisi

Next Article

Il “contratto di prospettiva”

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.