Il “contratto di prospettiva”

Lo yif sarà anche l’occasione per proporre nuovamente ai politici e ai giornalisti il “Contratto di prospettiva”. Un’idea di come si potrebbe intervenire concretamente per creare un circolo virtuoso fra giovani e piccole imprese.

Lo yif sarà anche l’occasione per proporre nuovamente ai politici e ai giornalisti il “Contratto di prospettiva”. Un’idea di come si potrebbe intervenire concretamente per creare un circolo virtuoso fra giovani e piccole imprese.
Si tratterebbe di consentire alle piccole imprese di poter ospitare legalmente al proprio interno due o tre risorse giovani al fine di formarle e poterle poi inserire nel proprio organico stabilmente. Da un lato i giovani si impegnerebbero in un progetto di formazione accontentandosi di un rimborso all’inizio, ma con la prospettiva di imparare sul campo cose concrete e di aspirare poi alla stabilizzazione. Dal canto loro le piccole imprese se otterranno sgravi contributivi veri e soprattutto se otterranno un premio significativo per l’assunzione di quelle risorse saranno invogliate a formare per bene, vista la prospettiva di trattenere in azienda quei giovani.
Lo Stato nella fase iniziale non avrebbe costi e soltanto dopo qualche anno dovrebbe concedere degli incentivi sotto forma di sgravi fiscali. Questo darebbe forza alle piccole imprese in un momento in cui non se la passano proprio bene e una prospettiva per migliaia di giovani tolti dalla strada e talvolta dall’illegalità in un colpo solo. Giochiamo con i numeri. Se 100 mila piccole aziende prendono in carico 2 giovani ognuna, avremo dato una prospettiva nell’immediato a duecentomila ragazzi. Non è poco.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli città d’arti

Next Article

L'acquario premia gli studenti romani

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.