Olimpiadi Economia e Finanza, aperte le iscrizioni per gli studenti delle superiori

Il Ministero dell’istruzione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale di istruzione, indice per il corrente anno scolastico la prima edizione delle Olimpiadi di Economia e Finanza, in collaborazione con il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, istituito dal Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e con il Ministero dello sviluppo economico, e con gli Uffici Scolastici Regionali.
Le Olimpiadi sono gare individuali rivolte alle studentesse e agli studenti dei primi tre anni degli istituti secondari di secondo grado italiani, statali e paritari, e prevedono due categorie: JUNIOR = primo biennio; SENIOR = terzo anno.
La competizione, indirizzata agli studenti del primo triennio degli istituti secondari di secondo grado, statali e paritari, si colloca nella sua fase finale all’interno di una manifestazione culturale dedicata ai temi dell’educazione economica e finanziaria a scuola, dal titolo: “E+F= … Opinioni a confronto” prevista per il 22 e 23 maggio 2019.
Per favorire la partecipazione e l’iscrizione alla gara da parte delle scuole, la presente nota viene trasmessa unitamente al Regolamento che sarà pubblicato anche sul sito delle Olimpiadi: www.olimpiadi-economiaefinanza.it
Finalità
Le Olimpiadi di Economia e Finanza si propongono di promuovere nei giovani frequentanti il primo triennio di tutti gli ordini delle scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, la conoscenza e la comprensione di fenomeni economici e sociali complessi e di far così
maturare, gradualmente, una maggiore consapevolezza in tema di questioni economiche, finanziarie e sociali che riguardano la contemporaneità.
La competizione intende inoltre avvicinare alla conoscenza e alla pratica di tutti quei metodi, tecniche e strumenti della ricerca indispensabili per una corretta interpretazione dei fenomeni economici e finanziari e di promuovere e valorizzare il merito nell’ambito delle competenze economiche, finanziarie e di cittadinanza attiva. Contemporaneamente, si auspica che le Olimpiadi stimolino l’interesse verso i temi economici e finanziari degli studenti frequentanti percorsi di studio in cui le discipline di ambito economico e finanziario non sono presenti.
Tipologia e argomenti delle prove
Gli argomenti delle prove riguarderanno i diversi livelli di padronanza delle competenze di economia e finanza, con riferimento anche agli obiettivi di Financial Literacy delle prove OCSE PISA. Per agevolare la preparazione, sul sito delle Olimpiadi sarà disponibile un Sillabo delle competenze economiche e finanziarie.
Il termine ultimo per l’iscrizione delle scuole è fissato al 19 gennaio 2019. Per procedere all’iscrizione, le istituzioni scolastiche dovranno individuare tra i docenti un Referente d’istituto che, a partire dal 14 dicembre 2018 procederà all’iscrizione sul sito www.olimpiadi-economiaefinanza.it..secondo le modalità indicate e che successivamente comunicherà l’avvenuta iscrizione al Referente della
competizione individuato presso l’Ufficio Scolastico Regionale. La scelta dei partecipanti alle gare è demandata alle singole scuole che attueranno una selezione preliminare con autonomi criteri di merito finalizzati anche a sensibilizzare tutti gli studenti e i consigli di classe sull’importanza delle competenze in materia economico-finanziaria. L’iscrizione nominativa dei singoli partecipanti dovrà avvenire entro il 19 gennaio 2019.
Nota OLI E&F m_pi.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0020165.30-11-2018
OLI Economia e Finanze0001-signed

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Novartis: 100 posti di lavoro per Giovani under 30

Next Article

Settimana Italia-Cina della scienza, della tecnologia e dell'innovazione. Bussetti incontra il ministro cinese Wang ZhiGang

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.