Officina dei Nuovi Lavori: Google offre corsi gratuiti per 10 mila giovani

Corsi gratuiti per giovani under 29 promossi da Google e dal Comune di Roma Capitale. Il colosso informatico ha avviato il progetto Officina dei Nuovi Lavori, una serie di corsi completamente gratuiti che coinvolgeranno 10 mila giovani tra i 15 e i 29 anni attualmente disoccupati o in cerca di impiego.
L’Officina dei Nuovi Lavori è un progetto realizzato, grazie ad una donazione di Google, dalla FMD – Fondazione Mondo Digitale in collaborazione con il MIUR, la Regione Lazio e Roma Capitale, nell’ambito del programma Call4Youth, iniziativa finalizzata alla diffusione delle competenze digitali. L’Officina dei Lavori mira a realizzare corsi gratuiti per 10mila giovani e attività di orientamento professionale entro due anni, presso la Città educativa di Roma, in via del Quadraro n. 102 a Roma.
Obiettivo: fornire nuove competenze ai Neet, i ragazzi e le ragazze che non lavorano né stanno frequentando un percorso di formazione.
I corsi Google – FMD avranno la forma di laboratori dedicati a vari temi legati al settore digitale, dal digital manufacturing all’innovazione d’impresa, dal gaming alla realtà immersiva. Ciascun percorso avrà una durata di 22 ore, articolate nell’arco di una settimana, e saranno completamente gratuiti.
Due le tipologie di percorso a disposizione dei ragazzi:
– ALL4ALL, con la possibilità di frequentare tutti i corsi, dal lunedì al venerdì, seguendo a rotazione un laboratorio al giorno. Le attività didattiche saranno suddivise in 4 ore di corso motivazionale, 4 ore di attività per ciascun laboratorio e 2 ore finali di “ri-valutazione”;
– ONE4ONE, ovvero la frequenza di un solo corso settimanale, dal lunedì al venerdì. Il percorso formativo sarà articolato in 4 ore di corso motivazionale, 16 ore di laboratorio e 2 ore finali di “ri-valutazione”.
Il progetto di Google, Miur e Roma Capitale avrà durata di due anni; al momento sono attivi i seguenti corsi di formazione:
– FAB LAB: utilizzo della laser cut, della stampante 3D e degli strumenti tipici di un fab lab;
– VIDEO LAB: video making con animazione 3D ed effetti visuali;
– GAME LAB: game development e interactive storytelling;
– IMMERSIVE LAB: tecnologia immersiva e realtà aumentata.
Iscriversi ai corsi è semplice: basta compilare l’apposito form online. Al momento sono aperte le iscrizioni per il trimestre estivo.
Tutte le informazioni sul progetto Officina dei Nuovi Lavori, i corsi a disposizione e le modalità di accesso le trovate sul sito dedicato.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2015: un insegnante su due avrebbe scelto la traccia su Malala

Next Article

La Buona Scuola: "Pronti alla più grande class action contro lo Stato italiano"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.