Ocse, più formazione per uscire dalla crisi

crisi.gifMeno barriere all’ingresso delle professioni e abolizione dei regimi tariffari imposti dalle organizzazioni professionali. Ecco alcuni rimedi per far fronte alla crisi economica che sta investendo il paese.
Le raccomandazioni arrivano dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che nel recente rapporto “Obiettivo crescita” snocciola una serie di regole da seguire. Tra i tagli da effettuare, sottolinea l’Ocse “occorre ridurre la presenza dello Stato e il suo coinvolgimento nelle attività di fornitura dell’ elettricità, del gas, delle poste e del trasporto, oltre a limitare il coinvolgimento degli enti locali nelle imprese che forniscono servizi locali”.
Inoltre è importante che l’Italia riduca il carico fiscale, specie sui bassi redditi, finanziando i tagli con la riduzione della spesa pubblica e con il recupero dell’evasione. L’istantanea tracciata dalla Organizzazione tende infatti a sottolineare come “il divario in termini di redditi con i Paesi più avanzati resta ampio, soprattutto a causa della bassa crescita della produttività”.
A giungere inattesa è anche “la profondità e l’estensione temporale della crisi finanziaria: ci aspettavamo – sottolinea Schmidt-Hebbel, Capo economista dell’OCSE – che il primo trimestre 2009, vedesse una qualche normalizzazione sui mercati finanziari che invece non c’è”. La contrazione delle Borse “è molto negativa per gli investimenti e per i consumi, perché si traduce una massiccia distruzione di ricchezza. C’è meno accesso ai finanziamenti e le aziende bloccano gli investimenti perché temono di doverli poi ridurre o addirittura di chiudere”.
Per l’Ocse serve, in particolare, che i governi “avviano rapidamente progetti infrastrutturali, aumentino le spese per la formazione (in modo che i lavoratori possano acquisire le competenze indispensabili appena migliorerà il mercato del lavoro), riducano le imposte sui redditi di lavoro e riducano gli ostacoli che impediscono la concorrenza”. Non ultimo tra i suggerimenti il miglioramento del sistema di istruzione, soprattutto universitario.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Videomaker alla riscossa, arriva Movi&co

Next Article

Val d'Aosta verso il campus universitario

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.