Obesità nell’infanzia: 2012 nero per i bambini italiani

 obesità infantileC’è una classifica in cui l’Italia è ai primi posti tra i Paesi Ue: sovrappeso e obesità nell’infanzia. Il Ministero della Salute ha promosso un’indagine dal titolo “Okkio alla Salute”, col compito di controllare la situazione dei bambini e della loro alimentazione relativa al 2012.

Le notizie non sono di certo positive: il 38% di chi ha figli sovrappeso non se ne rende conto, quasi il 70% dei bambini fa una merenda trobbo abbondante a metà mattina, il 9% salta addirittura la colazione. L’indagine ha coinvolto circa 46mila bambini di 3.623 classi terze della scuola primaria.

Tra i dati più preoccupanti spicca ancora il 10% di bambini in condizioni di obesità, unito ad una condizione di eccesso di peso che riguarda in generale un bambino su tre. Le regioni dove si concentra maggiormente il problema sono quelle del Centro-Sud: Abruzzo, Molise e Campania guidano questa speciale classifica, con più del 40% di bambini con problemi di peso. Sardegna, Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, al contrario, vantano un dato sotto il 25%.

Un’’indagine simile condotta nel Lazio ha messo in cattiva luce anche il ruolo delle mamme: ben 7 su 10, infatti, non propongono mai ai figli cibo che non gradiscono, peccando nell’educazione alimentare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Almalaurea, la scelta dei diplomati. Tra i pentiti liceali e tecnici professionali

Next Article

Nasce la scuola del futuro: via classi e cattedre, allievi liberi negli spazi comuni

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.