Nuovo DPCM, mascherine obbligatorie anche all’aperto in determinati orari. Discoteche chiuse

Il Governo ha emanato una nuova ordinanza che prevede la chiusura delle discoteche da oggi lunedì 17.

Nel testo il Governo sottolinea che non sono ammesse deroghe regionali alla normativa nazionale, come invece accaduto fino ad adesso.

“Restano sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso”.

Il Governo ha deciso una nuova stretta sull’uso delle mascherine che dalle ore 18 alle ore 6 del mattino successivo torneranno obbligatorie su tutto il territorio nazionale, anche all’aperto, in quegli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) dove per le caratteristiche fisiche sia più facile la formazione di assembramenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, i presidi: "Diteci quando saranno consegnati i banchi monoposto"

Next Article

Protezione Civile: online il testo di riferimento per i docenti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".