Notte Europea dei Ricercatori 2019, al Miur la presentazione con il Ministro Lorenzo Fioramonti

L’evento si terrà in oltre 100 città italiane il 27 settembre 2019

Oggi, 18 settembre 2019, a Roma, presso la Sala ‘Aldo Moro’ del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (viale Trastevere 76/a) si terrà la conferenza stampa di presentazione della Notte Europea dei Ricercatori. L’iniziativa è promossa dalla Commissione Europea per favorire l’incontro e il dialogo tra ricercatori e cittadini. Alla presentazione sarà presente il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti. Interverranno i rappresentanti dei progetti italiani finanziati nell’ambito dell’iniziativa dalla Commissione Europea e i rappresentanti degli Enti di Ricerca (ASI, CNR, CRUI, INGV, INFN, INAF). Alla conferenza parteciperà anche Vito Borrelli, direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Gli interventi saranno moderati da Marco Cattaneo, direttore de Le Scienze.
La nuova edizione della Notte Europea dei Ricercatori si terrà venerdì 27 settembre 2019. In Italia saranno oltre 100 le città che ospiteranno laboratori aperti, spettacoli, conferenze con esperti, eventi a tema e incontri di approfondimento.
Nel corso della conferenza stampa verranno presentati i progetti italiani sostenuti dalla Commissione Europea per il biennio 2018/2019.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mattarella ricorda il piccolo migrante annegato con la pagella cucita in tasca: "Proteggeva la sua speranza"

Next Article

Una notte per la Ricerca. Fioramonti: "Nuovo patto tra ricerca, scuola ed industria"

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa