Nominato il nuovo direttore generale del Cnr

È Paolo Annunziato, proposto dal presidente Nicolais e approvato dal Cda all’unanimità. Ha ricoperto incarichi dirigenziali in aziende, tra le quali Telecom, e in Confindustria.

È Paolo Annunziato, proposto dal presidente Nicolais e approvato dal Cda all’unanimità. Ha ricoperto incarichi dirigenziali in aziende, tra le quali Telecom, e in Confindustria.

Paolo Annunziato, romano, nato nel 1961, si è laureato in Scienze politiche alla Luiss di Roma e ha conseguito un Phd in Economia presso l’università di Chicago. Ha ricoperto incarichi dirigenziali in diverse aziende tra le quali Telecom Italia, da cui proviene, e in Confindustria, dove è stato a lungo direttore dell’area Ricerca, innovazione e net economy. Dopo la formazione, ha svolto attività professionale a livello internazionale presso A.T. Kearney, World Bank e Commissione europea. Vanta un’approfondita esperienza in organismi culturali e di promozione della ricerca e dell’innovazione quali fattori di sviluppo, come Apre, Airi, Fondazione Olivetti e Treccani. 

 «Il significato di questa scelta, oltre ovviamente che nell’alto profilo e nell’importante esperienza del nuovo direttore, risiede nella sua conoscenza diretta e approfondita del mondo imprenditoriale, e si inserisce quindi nell’ottica che abbiamo già affermato di rafforzare sempre più il rapporto tra Cnr e aziende», commenta il presidente Nicolais. «Il compito primario del nostro Ente è e resta quello di fare ricerca scientifica come produzione e avanzamento della conoscenza, ma soprattutto in una fase storica come l’attuale non possiamo prescindere dall’impegno nella valorizzazione dei risultati della ricerca a livello applicativo. È un’esigenza duplice: sia per tentare di colmare il profondo gap che ci distanzia dai partner europei nell’investimento privato in ricerca e sviluppo, sia per fornire, tramite l’innovazione, un contributo alla ripresa socio-economica del nostro paese».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Niente tasse per gli studenti terremotati

Next Article

La spending review dimezza la scuola italiana

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.