Niente giornalismo senza I-Phone

iphone.jpgSquadre, compasso, inchiostro di china, atlante. A scuola quello che ci chiedevano di comprare i prof era il corredo per le materie più tecniche. All’università dipende dall’indirizzo. Ma che l’iPhone diventasse uno strumento indispensabile per gli aspiranti giornalisti ha trovato impreparati anche i più disinibiti technology addicted.
Un’università americana ritiene infatti che non si possa studiare per diventare giornalisti senza possedere il piccolo gioiello della Apple. La scuola di giornalismo della University of Missouri, la più vecchia istituzione del genere negli Usa, è la prima ad aver indicato il possesso dell’apparecchio della Apple, o quantomeno di un iPod Touch, tra i requisiti obbligatori per frequentare i corsi.
La scelta dei responsabili della facoltà ha suscitato critiche tra gli studenti, rimbalzate sul Wall Street Journal e su una serie di altri media americani. L’accusa ai vertici della università è di un sostanziale favoritismo nei confronti della Apple. Ma la facoltà si difende spiegando che l’iPhone serve a scaricare le lezioni dal web, attraverso un nuovo software accademico, ed è necessario per imparare il giornalismo multimediale. La giustificazione dell’università non fa una piega: “Non è molto diverso dal chiedere a uno studente d’ingegneria di comprarsi la calcolatrice”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università abruzzesi unite nella ricostruzione

Next Article

Univaq, laboratorio aperto all’internazionalizzazione

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).