Univaq, laboratorio aperto all’internazionalizzazione

aquilaaaa.jpgNon solo ricostruirla, ma ampliarla allargando le sue vedute sul mondo. L’idea di trasformare l’università in un ateneo internazionale sul modello dell’European University di Budapest arriva da Paola Inverardi, preside della Facoltà di Scienze dell’Aquila.

L’obiettivo è di andare avanti, non racchiudendosi in un nazionalismo sterile, ma aprendosi a nuovi corsi di studi, casomai in associazione con sedi straniere, master o lauree avanzate per rimettere in piedi un processo formativo valido a livello europeo.

Questo il sogno e il progetto che la docente Inverardi ha raccontato sulle pagine del Venerdì di Repubblica. “ Il modello dell’università – ha sottolineato la preside – dovrà essere anche quello del territorio. Occorre spostare l’attenzione da un livello locale ad un livello internazionale. Una realtà che è già cominciata. Abbiamo avuto – continua – attestati di grande stima da parte delle migliori istituzioni internazionali che hanno già mostrato la volontà di collaborare. La città e l’università sono capaci di diventare un teatro di sperimentazione per la migliore attività di ricerca”.

A sostegno del suo progetto, anche un sito www.ideaforlaquila.org, dove lanciare appelli e proporre la propria visione di città ed Università. “Come ricercatori dell’Università dell’Aquila – scrivono i promotori, la professoressa Paola Inverardi (docente di Informatica) e il professor Simone Gozzano (docente di Filosofia della Scienza) – ci troviamo dinanzi ad un periodo di ricostruzione che sarà lungo, faticoso ed estremamente stimolante. Abbiamo bisogno della vostra creatività, competenze, conoscenze tecniche, sostegno, attenzione di lungo periodo”.

“La visione che abbiamo in mente – sottolineano gli ideatori del sito – è quella di realizzare una città che sarà a partire dalla città è stata. Invitiamo dunque ricercatori e studenti a considerare L’Aquila come una città medievale in una nazione/mondo moderno, come un laboratorio aperto, un ideale teatro di applicazione e un “dimostratore” dove le nuove tecnologie e gli studi storici possono essere sviluppati fianco a fianco”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Niente giornalismo senza I-Phone

Next Article

4 consulenti assicurativi per Ina Assitalia

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.