Nel 2029 le macchine eguaglieranno l’uomo?

Thinking Robot — Image by © Blutgruppe/Corbis

Insegnare all’IA a pensare e ragionare come l’uomo è il sogno di molti scienziati, ma finora questa possibilità è rimasta materia da film. Non sappiamo ancora come nasce un pensiero, così studiare l’intelligenza artificiale è un po’ studiare l’intelligenza umana, comprenderne il funzionamento per replicarne i meccanismi. La nuova frontiera scientifica è quella di creare una machine learning, un’intelligenza di un bambino con la capacità di apprendere e accrescere da solo le proprie conoscenze attraverso l’interazione con l’ambiente circostante.
La machine learning è anche una branca dell’informatica che studia come i computer possano imparare senza essere programmati espressamente. Usando il concetto delle reti neurali del cervello si cerca di analizzare i meccanismi del linguaggio dove certi stimoli attivano determinare connessioni tra i neuroni.
Il responsabile di machine learning di Google, Ray Kurzwell, ha dato un data all’imminente rivoluzione: 2029. Inoltre, meno di un ventennio successivo, nel 2045, arriverà – sempre secondo Kurzewell – la singolarità tecnologica: l’intelligenza artificiale supererà quella umana. Come nel Matrix dei fratelli Wachowski, le macchine – o per meglio dire i computer – inventeranno macchine ancora più intelligenti in una catena senza fine. Una possibilità che citando il famoso scienziato Stephen Hawking: “Sarebbe l’evento più grande della storia dell’uomo. Purtroppo, potrebbe essere anche l’ultimo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Libri, spazi creativi, tecnologia e famiglia: ecco chi sono i millennials

Next Article

42 borse di studio per chi sceglie matematica all'università

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.