Nel 2008 Firenze tra gli atenei virtuosi

firenze.jpgBilanci a posto e risultati nella didattica e nella ricerca: Firenze è premiata. Dopo aver riportato le spese per il personale sotto il limite previsto dal Ministero, l’ateneo fiorentino rientra nell’ambita categoria di “ateneo virtuoso”. Il merito è quello di non aver superato nel 2008 la quota del 90% nel rapporto fra spese fisse per il personale e Fondo di finanziamento ordinario (FFO).

Lo ha comunicato all’Università di Firenze lo stesso Ministero che, a seguito di una richiesta di ricalcolo avanzata dall’ateneo, ha corretto così la precedente collocazione che vedeva invece Firenze appena sopra il 90%. La percentuale, prevista dalla normativa vigente, è infatti ormai assunta come parametro per individuare gli atenei con i conti a posto dalla recente legge 1/2009, anche ai fini della possibilità di assumere nuovo personale.

“Il dato consente al nostro ateneo di collocarsi nuovamente fra quelli cosiddetti ‘virtuosi’ – ha dichiarato Augusto Marinelli informando oggi il Consiglio di amministrazione – e può essere letto come il risultato degli interventi effettuati dall’Università fiorentina a partire dal 2006. Sottolineo che il superamento del 90%, a conti fatti, si è riscontrato solo per il 2007. Conseguenza negativa di questa errata classificazione dell’Ateneo, però, è la non assegnazione alla nostra università delle risorse per il cofinanziamento di nuovi posti di ricercatore. Chiederemo al Ministero che i fondi possano essere reintegrati. Il rientro nei parametri richiesti è un traguardo importante, ma – ha sottolineato il rettore – per poter riprendere le assunzioni a tempo indeterminato dovranno essere verificate altre condizioni: la copertura finanziaria in bilancio e il rispetto dei limiti imposti dalla normativa sul turn-over”.

Il Consiglio di amministrazione dell’ateneo ha inoltre deciso di prorogare fino al prossimo 31 dicembre, 68 contratti del personale tecnico-amministrativo precario, in possesso dei requisiti per la stabilizzazione. L’organo di governo universitario, inoltre, ha approvato il progetto definitivo per l’edificio destinato alle biotecnologie agrarie nel polo di Sesto fiorentino e contestualmente anche due importanti interventi di urbanizzazione per l’area. Il progetto fa parte del programma previsto per il trasferimento della facoltà di Agraria a Sesto, nel quadro dell’accordo con la Regione Toscana, la Provincia , il Comune di Firenze e il Demanio.

L’opera è finanziata in gran parte con i fondi della Cassa Depositi e Prestiti: “Era urgente procedere anche perché c’era il rischio di perdere i finanziamenti stanziati – ha sottolineato Marinelli – ma con questo atto, che rappresenta un adempimento spettante all’Università e già pianificato dalla fine degli anni ‘90, l’ateneo vuol dare anche un segnale di stimolo alle istituzioni coinvolte nell’accordo di programma per riprendere in mano gli impegni assunti, che riguardano immobili di prestigio e di grande impatto sulla città”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità in Alleanza nelle città del nord

Next Article

L'Aquila, la Gelmini incontra i maturandi

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.