L'Aquila, la Gelmini incontra i maturandi

gelmini.jpgNiente prove scritte per gli studenti terremotati che affrontano la Maturità. Il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, nella sede dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Aquila, ospitato provvisoriamente nella Scuola della Guardia di Finanza di Coppito, stamattina ha incontrato alcuni studenti che nei prossimi giorni sosterranno l’Esame di Stato.
Obiettivo della visita – spiega il ministero in una nota – è verificare di persona lo svolgimento degli esami che nel capoluogo abruzzese, colpito dal sisma lo scorso 6 aprile, prevedono solo il colloquio orale. Insieme agli studenti il ministro ha incontrato anche il direttore scolastico regionale, il direttore scolastico provinciale, alcuni dirigenti scolastici e il personale dell’Usr e si è complimentata per il lavoro svolto nonostante le enormi difficoltà logistiche.
Il ministro Gelmini ha poi rivolto uno speciale in bocca al lupo a tutti gli studenti aquilani che si accingono ad affrontare gli esami e che hanno dovuto prepararsi per la maturità in una situazione particolarmente difficile. Ad accogliere il ministro anche otto studenti delle scuole superiori che tra questa settimana e l’inizio della prossima sosterranno gli esami di maturità. A loro – intervenuti a nome degli 849 alunni delle scuole pubbliche e dei 123 delle scuole private – il ministro ha rivolto un in bocca al lupo in vista dei colloqui orali. Alcuni dei ragazzi hanno raccontato la loro esperienza personale degli ultimi mesi di scuola nelle strutture provvisorie.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nel 2008 Firenze tra gli atenei virtuosi

Next Article

Vent'anni di solitudine

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.