Natale a cifre tonde

natale1.pngNatale francese o italiano poco conta. In tempo di crisi lo spreco è bandito, anche durante le feste, e proprio per evitare amare sorprese, un francese su due vorrebbe trovare sotto l’albero non regali, ma soldi.

È quanto rivela un sondaggio Ipsos pubblicato dal quotidiano Le Parisien, secondo il quale, per questo Natale, i francesi si dicono disposti anche a fare a meno di regali costosi, viaggi e decorazioni, ma non a rinunciare a una tavola imbandita secondo tradizione. Se il 52% degli intervistati dichiara di desiderare solo regali, il 48% vorrebbe invece ricevere anche un pò di denaro (tra questi, il 16% spera addirittura di trovare sotto l’albero solo contanti).

La prima voce di spesa a essere tagliata è proprio quella dei regali: per risparmiare, il 45% dei francesi ne farà di meno e meno costosi. Si rinuncia per lo più anche alle decorazioni e ai festoni, ai divertimenti e agli eventi mondani, al vestiario e anche ai viaggi di fine anno, ma guai a toccare il menu delle feste.

Solo il 26% dei francesi infatti ridurrà la spesa per foie gras e salmone, che al contrario, secondo la tradizione, la faranno da padroni su oltre l’80% delle tavole. E nel 60% dei casi non mancheranno neanche le ostriche, a scapito del tacchino, preferito solo dal 45% delle famiglie. In Francia ovviamente il tutto annaffiato da abbondante champagne.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vittori torna nello Spazio

Next Article

Cromo, sotto la lente di Inail e Unipg

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".