Nasce Primo, un modo nuovo di fare ricerca

La Biblioteca della Libera Università di Bolzano ha aperto una nuova porta sul mondo dell’informazione: il portale di ricerca Primo. Grazie a questo gli utenti potranno interrogare condurre ricerche ancora più rapide ed efficaci…

La Biblioteca della Libera Università di Bolzano ha aperto una nuova porta sul mondo dell’informazione: il portale di ricerca Primo. Grazie a questo gli utenti potranno interrogare condurre ricerche ancora più rapide ed efficaci in un ampio pool di dati ed accedere direttamente ai full text disponibili.

La nuova tecnologia Primo offre a tutti gli utenti una nuova esperienza di ricerca delle informazioni attraverso un’unica piattaforma e un unico campo di ricerca, direttamente dalla homepage. La ricerca prende in esame l’intero patrimonio della Biblioteca, quindi anche nelle risorse elettroniche e banche dati con licenza, riviste elettroniche, libri digitali, capitoli di libri e saggi.

Gli utenti ottengono, in un’unica lista, i risultati provenienti da tutte le fonti elencati secondo la loro rilevanza. La nuova piattaforma di ricerca è orientata all’utente ed al suo comportamento di ricerca e interroga tutte le risorse con un unico click permettendo una ricerca facile e intuitiva. Questo accesso immediato e diretto a tutte le risorse della Biblioteca, con delle performance da motore di ricerca simile a Google, colma una lacuna presente da molto tempo nella giungla delle informazioni.

Questo strumento di ricerca innovativo viene utilizzato anche in altre grandi biblioteche universitarie quali l’ETH di Zurigo e le biblioteche universitarie di Vienna ed Innsbruck. In Italia, oltre alla Biblioteca universitaria di Bolzano, Primo è in uso soltanto presso l’Università di Verona.

La Biblioteca della Libera Università di Bolzano riapre l’8 gennaio. E’ aperta a tutti gli utenti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 24

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti per il volontariato

Next Article

Rete 29 aprile, golpe di Profumo sul reclutamento dei docenti

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa