MyMillennium Award 2015: premio per giovani scrittori, giornalisti e startupper

Giovani scrittori, giornalisti, startupper, architetti e designer, ecco il premio che fa per voi: al via la prima edizione del MyMillennium Award.
Alla sua prima edizione, il MyLLENNIUM Award 2015 è un’iniziativa che si rivolge ai millennials, la cosiddetta generazione Y, con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze, in termini di creatività e innovazione, dei giovani nati tra gli Anni Ottanta e i primi Anni Duemila. Laboratorio di cultura e idee innovative a orizzonte nazionale e internazionale, il premio è uno strumento con cui l’imprenditoria italiana investe sulla futura classe dirigente con un’azione concreta rivolta a settori diversi.
Il premio consta di 5 categorie, i requisiti di partecipazione di ciascuna categoria sono:

  • MySTARTUP: imprese attive costituite da non più di 2 anni e a progetti di impresa (non costituite) guidati da giovani imprenditori under 30.
  • MyJOB: under 30 laureati con cittadinanza italiana e un’ottima conoscenza della lingua inglese.
  • MyREPORTAGE: giovani giornalisti, o aspiranti tali, e reporter italiani under 30.
  • MyBOOK: giovani autori italiani under 30.
  • MyCITY: architetti e designer italiani under 30.

Diverse le tipologie di progetti ammessi:

  • MySTARTUP: idee e nuove imprese italiane ad elevato contenuto tecnologico e innovativo.
  • MyJOB: i partecipanti verranno selezionati sulla base di curriculum vitae e lettera motivazionale
  • MyREPORTAGE: video inchieste, della durata di otto minuti, sul tema (Ben)Fatto in Italia. Storie di eccellenza italiana raccontate in 8 minuti.
  • MyBOOK: idee su tre macro-temi: economia, Europa e lavoro. Le opere dovranno essere inedite e avere un numero minimo di 18.000 battute fino a un massimo di 27.000 battute, spazi inclusi. Si richiede inoltre una breve descrizione (abstract) di 1.800 battute.
  • MyCITY: progetto di arredo urbano di un’area della città di Latina.

Questi i premi per ciascuna tipologia:

  • MySTARTUP: verranno premiati due progetti e/o imprese e a ciascuno dei due vincitori saranno assegnati: 20mila euro per la fase di seed-money, 25mila euro in servizi.
  • MyJOB: saranno assegnati otto stage presso prestigiose aziende italiane e internazionali e quattro master presso Bologna Business School.
  • MyREPORTAGE: Saranno premiate le tre migliori video inchieste. I vincitori riceveranno un premio in denaro pari a 3mila euro (1° classificato), duemila euro (2° classificato), mille euro (3° classificato).
  • MyBOOK: saranno tre saggi per ognuna delle tre aree tematiche (per un totale di nove) ai quali verrà assegnato un premio del valore di mille euro ciascuno. I saggi saranno pubblicati da Gangemi Editore.
  • MyCITY: Il progetto vincitore sarà premiato con la realizzazione del progetto di arredo urbano e un premio di 10mila euro.

I partecipanti dovranno inviare il loro progetto o elaborato entro il 30 maggio 2015. Tutte le informazioni sul MyMillennium Award, le modalità di partecipazione e il regolamento del premio le potete trovare sul sito dedicato all’evento.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 15 maggio

Next Article

La storia di Anthony, laureato 75 anni dopo

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.