Mobilità internazionale: il bando "overseas student exchange"

Compilazione domande on line dal 4 febbraio all’8 marzo (ore 23), presentazione domande entro l’11 marzo (ore 12)

Parma, 30 gennaio 2019 – È stato pubblicato sul sito dell’Università di Parma il bando Overworld a.a. 2019-2020 “Overseas Student Exchange”, iniziativa di Ateneo finalizzata all’ampliamento delle opportunità di studio e di mobilità verso gli Atenei non europei che hanno un protocollo di collaborazione culturale e scientifica con l’Università di Parma.

L’Università mette a disposizione dei propri iscritti 373 borse di studio fruibili grazie agli accordi bilaterali siglati con le università straniere di 28 Paesi non Europei (tra i quali Argentina, Brasile, Stati Uniti, Senegal, India, Cina, Giappone e Australia), per trascorrere un periodo formativo all’estero.

Potranno presentare domanda di candidatura gli iscritti a uno dei corsi di studio di I, II e III livello presenti nell’offerta formativa dell’Ateneo di Parma (a esclusione dei master universitari di I e II livello e degli iscritti ai Corsi di Dottorato). Possono presentare domanda anche gli studenti iscritti ai corsi interateneo, a condizione che la loro carriera risulti gestita dall’Università di Parma.

Tutte le attività di mobilità dovranno svolgersi nel periodo compreso tra il 1° agosto 2019 e il 30 settembre 2020.

Il bando, la guida e tutte le informazioni necessarie per poter partecipare alla selezione sono disponibili sul sito web dell’Università di Parma, al link https://www.unipr.it/overworld20192020

 

Modalità di partecipazione

La domanda di candidatura sarà disponibile online dal 4 febbraio 2019 tramite accesso al profilo personale ESSE3 (Sezione “Mobilità Internazionale” – “Bandi di Mobilità” – ambito “Accordi Bilaterali”) e dovrà essere: compilata e corredata degli allegati entro le 23 dell’8 marzo 2019stampata, sottoscritta in originale e consegnata insieme agli allegati richiesti all’Ufficio Protocollo di Ateneo (Sede Centrale, via Università 12) entro le 12 dell’11 marzo 2019.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Torino è nata l’università che insegna ad essere felici

Next Article

Maggie, la App per togliere alle bambine l’ansia della matematica, entra in Parlamento

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.