MIUR – MAECI – CRUI: Tirocini retribuiti nelle ambasciate estere per studenti universitari

Dall’11 al 25 gennaio 2016 sarà online il nuovo bando MAECI-MIUR-Fondazione CRUI per 82 tirocini curriculari in Ambasciate e Rappresentanze Permanenti d’Italia all’estero.
Nel quadro della campagna di promozione della candidatura italiana al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, oggetto del tirocinio curriculare è la collaborazione all’organizzazione di iniziative a sostegno della candidatura italiana, nonché allo svolgimento di approfondimenti su tematiche di interesse della “constituency” onusiana, quali, ad esempio, le relazioni internazionali, le operazioni di mantenimento della pace, i diritti umani, le dinamiche economiche e sociali globali e la cooperazione allo sviluppo.
Requisiti minimi di accesso sono il possesso della cittadinanza italiana; non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi; non essere destinatari di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di sicurezza o di misure di prevenzione; avere un’età non superiore a 28 anni (non aver compiuto il ventinovesimo anno di età al momento della scadenza del presente bando); essere iscritti a uno dei corsi di laurea magistrale o a ciclo unico previsti dall’articolo 3, comma 1, lettera c) del DPCM 1 aprile 2008, n. 72, recante la disciplina per il concorso di accesso alla carriera diplomatica:
– LMG/01- Giurisprudenza
– LM-16 Finanza
– LM-52 Relazioni internazionali
– LM-56 Scienze dell’economia
– LM-62 Scienze della politica
– LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni
– LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura
– LM-77 Scienze economico-aziendali
– LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo
– LM-90 Studi europei
– LM-87 Servizio sociale e politiche sociali
– LM-88 Sociologia e ricerca sociale
Avere acquisito almeno 60 CFU nel caso delle lauree specialistiche o magistrali e almeno 240 CFU nel caso delle lauree magistrali a ciclo unico; avere superato il 70% degli esami, se iscritti a corsi di studio del vecchio ordinamento; avere riportato una media delle votazioni finali degli esami non inferiore a 27/30; avere una conoscenza della lingua inglese almeno a livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), certificata da un organismo ufficiale di certificazione o dall’Università (anche attraverso esami o idoneità attestanti il livello), e di una eventuale conoscenza della seconda lingua straniera, se richiesto dalla sede ospitante.
Al tirocinante spetta un rimborso forfettario delle spese sostenute nella misura di 400 euro mensili, di cui 200 euro sono pagati dalla Rappresentanza diplomatica presso la quale si svolge il tirocinio e 200 euro dall’Università di appartenenza. La messa a disposizione di un alloggio sostituisce la corresponsione della quota a carico della Rappresentanza diplomatica, pertanto ai tirocinanti che sceglieranno una sede con alloggio spetta un rimborso forfettario di 200 euro mensili. In caso di rinuncia all’alloggio per volontà del tirocinante, non è dovuto il rimborso monetario a carico della Rappresentanza diplomatica.
I tirocini sono in convenzione con le seguenti università:
– Alma Mater Studiorum Università di Bologna
– Libera Università “Maria SS. Assunta” – LUMSA
– Libera Università di Lingue e Comunicazione – IULM
– Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli” – LUISS
– Università Ca’ Foscari Venezia
– Università Cattolica del Sacro Cuore 3
– Università Commerciale “Luigi Bocconi”
– Università degli Studi dell’Insubria
– Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”
– Università degli Studi di Bergamo
– Università degli Studi di Brescia
– Università degli Studi di Cagliari
– Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale
– Università degli Studi di Catania
– Università degli Studi di Firenze
– Università degli Studi di Genova
– Università degli Studi di Milano
– Università degli Studi di Milano Bicocca
– Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
– Università degli Studi di Napoli “Federico II”
– Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
– Università degli Studi di Napoli “Suor Orsola Benincasa”
– Università degli Studi di Padova
– Università degli Studi di Palermo
– Università degli Studi di Parma
– Università degli Studi di Pavia
– Università degli Studi di Perugia
– Università degli Studi di Roma Tor Vergata
– Università degli Studi di Roma Tre
– Università degli Studi di Salerno
– Università degli Studi di Sassari
– Università degli Studi di Siena
– Università degli Studi di Teramo
– Università degli Studi di Torino
– Università degli Studi di Trento
– Università degli Studi di Trieste
– Università degli Studi di Udine
– Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”
– Università degli Studi di Verona
– Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT
– Università del Salento
– Università per Stranieri di Perugia
– Università Politecnica delle Marche 
La candidatura alle offerte del presente bando può essere inviata esclusivamente online collegandosi all’applicativo online al seguente indirizzo https://www.crui.it/tirocini/tirociniwa entro il 25 gennaio 2016, ore 17:00.
Il bando rimarrà aperto solo ed esclusivamente dall’11 al 25 gennaio 2016. I tirocini avranno luogo nel periodo compreso tra l’8 aprile e il 18 luglio 2016 (per un massimo di 3 mesi non prorogabili).
Per maggiori informazioni, conoscere tutte le destinazioni diplomatiche e i documenti necessari all’invio della domanda scaricate il bando ufficiale dei tirocini MAECI – MIUR – Fondazione CRUI.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"La vita continua": 11 universitari superstiti a Garissa in Italia per continuare a studiare

Next Article

Università dell'Insubria, arrivano i corsi di laurea in "Torte e Biscotti" e "Ciambelle col Buco"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.