Il ministro conferma: “La priorità è un piano per l’assunzione di giovani ricercatori”

piano per la ricerca

“La priorità è un piano straordinario per l’assunzione di 6.000 ricercatori l’anno per i prossimi 4 anni”. Il ministro Giannini ha confermato quanto anticipato pochi giorni fa, con l’intenzione, quindi, di riorganizzare l’assetto della ricerca in Italia.

Stefania Giannini ha parlato a margine della Giornata della Ricerca, organizzata al Campus Bio Medico di Roma. Tante le tematiche affrontate durante il suo intervento, a partire dal piano straordinario per la ricerca. “Dobbiamo concentrare le azioni della politica sulle grandi realtà pubbliche di ricerca e realtà prive d’eccellenza. La ricerca bio-medica, ad esempio, rappresenta oggi la metà dell’intero settore della ricerca”.

“Cervelli in fuga? Preferisco parlare di cervelli in mobilità. Il riordino della ricerca deve coinvolgere l’intero settore, a partire dagli enti e dalle università. L’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo e l’attrazione di capitale umano da inserire nel tessuto produttivo del Paese”.

Il ministro insiste sulla questione pubblico-privato: “Rinnovare competitività del settore significa anche dialogo e collaborazione pubblico-privato”. Si è parlato, inoltre, anche del divario che divide il Paese nel settore della ricerca: “Lo squilibrio tra Nord e Sud nella ricerca è un problema che va affrontato”.

 

LEGGI ANCHE 

Giannini: “Piano quadriennale per i l’assunzione di 6.000 ricercatori l’anno”

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I libri delle vacanze: come imparare a odiare i classici

Next Article

Alpette, provincia di Torino: benvenuti nella scuola più piccola del mondo

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"