I libri delle vacanze: come imparare a odiare i classici

odiare i classicii

 

Arriva l’estate e molti studenti si troveranno tra le mani i soliti, grandi libri della nostra tradizione assegnati come lettura dai docenti italiani. Ma qual è il criterio che seleziona queste letture? Perché si continuano a dare ai ragazzi, testi importanti ma difficili con il rischio di allontanarli dalla lettura? Se il fine dei “libri delle vacanze” è quello di far sbocciare l’amore per la lettura nei giovani non sarebbe meglio assegnargli testi più vicini alla loro sensibilità?

https://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=2RJV86&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dispersione scolastica: allarme rosso in Sicilia e Sardegna

Next Article

Il ministro conferma: "La priorità è un piano per l'assunzione di giovani ricercatori"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".