Ministero Affari Esteri: concorso per 400 diplomati

Requisiti: cittadinanza italiana, età non inferiore ai 18 anni, conoscenza lingua inglese e applicativi informatici diffusi

l Ministero degli Affari Esteri ha indetto un concorso per l’assunzione di 400 diplomati tra collaboratori di amministrazione e tecnici, area contributiva F2.

Le risorse saranno assunte con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Per presentare le candidature c’è tempo fino al 12 Aprile 2021. Ecco il bando e tutti i dettagli.

Il Ministero degli Affari Esteri ha infatti indetto un concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di diplomati. Nello specifico i 400 posti a concorso sono cosi suddivisi:

  • n. 375 collaboratori di amministrazione, contabile e consolare;
  • n. 25 collaboratori tecnici per i servizi di informatica, telecomunicazioni e cifra.

REQUISITI

Per partecipare al concorso per diplomati indetto dal Ministero degli Affari Esteri, sono richiesti i requisiti di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • godimento dei diritti politici;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per insufficiente rendimento;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • conoscenza della lingua inglese;
  • conoscenza degli applicativi informatici più diffusi;
  • possesso del diploma di maturità.

Si precisa che sul concorso operano le riserve di posto a favore dei volontari FF.AA. e a favore dei candidati di nazionalità italiana dipendenti a tempo indeterminato presso le Rappresentanze diplomatiche, gli Uffici consolari e gli Istituti italiani di cultura all’estero.

PROCEDURA SELETTIVA

Qualora il numero delle domande lo rendesse necessario, è facoltà dell’Amministrazione effettuare
una prova preselettiva.

I candidati ammessi alle procedure concorsuali saranno:

  • i primi 1875 classificatisi in graduatoria per il profilo professionale di Collaboratore Amministrativo codice concorso 01;
  • i primi 200 classificatisi in graduatoria e tutti i pari meriti per il profilo professionale di Collaboratore Tecnico codice concorso 02.

I candidati saranno selezionati in base alla valutazione dei titoli e all’espletamento di tre prove d’esame: due prove scritte ed una prova

La domanda di partecipazione al concorso del Ministero degli Affari Esteri per diplomati deve essere presentata attraverso apposita procedura telematica raggiungibile a questa pagina, entro il 12 Aprile 2021. orale.

BANDO MINISTERO AFFARI ESTERI

Gli interessati a partecipare al concorso sono invitati a scaricare e leggere attentamente il BANDO (Pdf 663 Kb), pubblicato per estratto sulla GU n. 16 del 26-02-2021.

Le successive comunicazioni saranno pubblicate sul sito del Ministero degli Affari Esteri, alla sezione ‘Amministrazione Trasparente > Bandi di concorso’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rilanciare l'università. Abravanel: "Puntare su pochi atenei di eccellenza"

Next Article
scuola didattica a distanza

Scuola, almeno 24 Province a rischio didattica a distanza con i parametri del nuovo Dpcm

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.